Home Ricerca Screening per HIV e patologie indicative

Screening per HIV e patologie indicative

di Luca Negri

Un campanello d’allarme per la diagnosi

Lo Screening per HIV in soggetti che presentano patologie legate all’immunodepressione, emerge oggi come momento centrale della diagnosi precoce di HIV, con ricadute in termini di inizio tempestivo della terapia antiretrovirale e quindi di riduzione di mortalità e morbidità HIV-correlata. Sull’importanza di uno screening più allargato in ambito ospedaliero se ne parlerà anche al Convegno milanese “Screening per HIV e patologie indicative di HIV nei pazienti ospedalizzati” che apre un interessante momento di confronto e di aggiornamento professionale a carattere multidisciplinare, rivolto a specialisti di numerose branche mediche. Continua

Studio ICEBERG per l’emersione del sommerso nei pazienti ricoverati

Offerta del test (e della ARV in caso di HIV-positività) e stima della reale prevalenza di infezione da HIV nei pazienti affetti dalle patologie indicative presso i due presidi ospedalieri della ASST Santi Paolo e Carlo di Milano sono stati l’obiettivo dello studio ICEBERG, presentato ad ICAR 2019 (OC36) condotto nei pazienti ricoverati in diverse UOC (malattie infettive, ematologia, oncologia, neurologia, dermatologia, gastroenterologia, ginecologia, terapia intensiva).
Molto interessanti i dati preliminari: dei 332 soggetti testati nei primi 6 mesi del 2019, il 2.4% è risultato HIV+. Se si escludono le donne in cui il test è stato eseguito in quanto in gravidanza, e in cui non è stato riscontrato nessun caso di infezione da HIV, la percentuale di HIV-positivi aumenta al 4.8% (8/166). Continua

Per una offerta attiva del test al paziente

Negli anni più recenti i dati sui late presenter sono rimasti sostanzialmente immutati (intorno al 50%), quindi anche espandendo l’offerta di test e counseling su base volontaria presumibilmente non si potrà incidere in modo significativo sul sommerso: sembra dunque, commenta Stefano Rusconi, del Polo Universitario L.Sacco di Milano, più adeguato privilegiare l’approccio dell’offerta attiva di test e counseling da parte di medici e/o operatori sanitari ai soggetti più vulnerabili all’infezione. Continua

Fonte: Read files

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più