Home Donne Simit: 4 milioni le italiane con malattie intime

Simit: 4 milioni le italiane con malattie intime

di sert_budrio
Se la candida facilitasse la trasmissione dell’HIV?

Simit: 4 milioni le italiane con malattie intimeSimit: 4 milioni le italiane con malattie intime
Condilomi, Clamidia, Trichomonas e altre malattie a trasmissione sessuale colpiscono quattro milioni di italiane. Si tratta soprattutto di trentenni, single e con una vita sessuale intensa, in cui si avvicendano almeno un paio di partner nel giro di sei mesi.

Inconsapevoli di essere ad alto rischio se praticano sesso non protetto, spesso finiscono per perdere la possibilità di avere figli: i problemi di fertilità, infatti, sono venti volte più probabili in chi ha avuto una malattia sessuale non riconosciuta o non trattata adeguatamente. Lo rivelano i dati raccolti da due Reti sentinella coordinate dall’Istituto Superiore di Sanità, presentati in occasione del X Congresso nazionale della Società di malattie infettive e tropicali, in corso fino all?8 ottobre in Sardegna, all’Arsenale, Porto della Maddalena.

I dati sono stati ottenuti da una rete di 12 Centri clinici pubblici specializzati nella diagnosi e cura di queste patologie e da un network di 13 laboratori pubblici di microbiologia, distribuiti sull’intero territorio nazionale. “In alcuni Paesi europei, quali Inghilterra, Francia e Germania, negli ultimi anni si è assistito a un incremento della diffusione delle infezioni sessualmente trasmesse nella popolazione femminile – spiega Barbara Suligoi, direttore del Centro operativo Aids dell’Iss e responsabile dei due sistemi di sorveglianza – Abbiamo perciò voluto analizzare tutti i dati a disposizione in Italia, per verificare se la situazione nel nostro Paese fosse analoga, in modo da capire se vi sia necessità di pianificare interventi di sanità pubblica o di prevenzione nelle donne”.

I Centri clinici hanno fornito i dati su circa 23.000 donne con infezioni sessualmente trasmesse, trattate dal 1991 al 2008; i laboratori di microbiologia hanno consentito di esaminare i dati di circa 36.000 campioni raccolti da donne dal 2009 al 2011. “Analizzando questa enorme mole di informazioni – prosegue l’esperta – siamo stati in grado di tracciare l’andamento delle infezioni sessualmente trasmesse nelle italiane durante l’arco degli ultimi vent’anni”. I risultati indicano che un terzo delle pazienti ha un’età media di trent’anni; il numero annuo di nuovi casi di donne con infezioni sessualmente trasmesse è rimasto stabile dal 1991, ma nel frattempo è cambiata la tipologia delle malattie contratte.

Nel 38% dei casi si tratta di infezioni aspecifiche e vaginosi batteriche: a partire dal 1999 però la frequenza di queste patologie è in costante diminuzione, mentre sono in aumento dal 2004 le diagnosi di condilomi (più noti come ‘creste di gallo’), che riguardano un terzo dei casi, e le infezioni da Clamidia o l’Herpes genitale, che colpiscono ciascuno il 6% delle pazienti. “Le cerviciti da Clamidia, la sifilide e la gonorrea sono cresciute durante i primi anni del 2000, ora si sono stabilizzate – commenta Suligoi – Questo aumento, che è stato particolarmente evidente per la Camidia, è in parte dovuto alle migliori tecniche diagnostiche che sono divenute progressivamente più accurate, e in parte a una diminuita percezione del rischio di infettarsi con i contatti sessuali”.

La maggior parte della popolazione italiana “pensa che la sifilide sia ormai una malattia storica e che gli anni bui dell?Aids siano un lontano ricordo. Invece i dati dimostrano che queste malattie si stanno diffondendo sempre di più, come evidenzia il numero crescente di coppie che si rivolge alla procreazione medica assistita come conseguenza di una vecchia infezione sessualmente trasmessa trascurata o non trattata: le malattie sessuali aumentano di 20 volte la probabilità di sterilità nelle trentenni”. Anche i dati arrivati dai laboratori di microbiologia confermano questa tendenza, inoltre Trichomonas è tre volte più frequente nelle donne straniere e Clamidia è quattro volte più comune nelle ragazze con meno di 25 anni rispetto alle più adulte. La probabilità di contrarre questa malattia si impenna all’aumentare del numero di partner sessuali: il rischio è quasi sette volte superiore nelle donne che dichiarano di aver avuto negli ultimi sei mesi due o più partner.

La rete di laboratori è riuscita inoltre a identificare un 40% di donne contagiate da Clamidia che non riferiva alcun sintomo e quindi avrebbe rischiato di non accorgersi dell’infezione, rischiando gravi complicanze, e contribuendo a diffonderla ulteriormente. Il 65% delle donne che hanno avuto una diagnosi di infezione sessuale si è sottoposto anche al test per l’Hiv: il 5% è risultato positivo, ma in un caso su tre la donna ha scoperto di essere sieropositiva in questo frangente, senza averlo mai sospettato in precedenza. “L’Hiv è sempre meno una patologia di omosessuali e tossicodipendenti e sempre più un problema che riguarda tutta la popolazione, in particolar modo le donne – interviene Anna Orani, già direttore struttura complessa Malattie infettive Ospedale di Lecco – Un terzo dei contagiati da Hiv è composto da eterosessuali e ogni anno la quota cresce. Il numero di donne e uomini infettati è più o meno simile, ma le prime hanno un rischio biologico maggiore che le rende più fragili di fronte al virus. Con un rapporto sessuale a rischio, infatti, la probabilità che la donna diventi sieropositiva è otto volte maggiore rispetto a quella del partner”.

 

FONTE: libero-news

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più