Home HIV #smashstigma spezza i pregiudizi, in Canada un ristorante gestito solo da persone sieropositive?

#smashstigma spezza i pregiudizi, in Canada un ristorante gestito solo da persone sieropositive?

di Luca Negri
#smashstigma spezza i pregiudizi, in Canada un ristorante gestito solo da persone sieropositive?

#smashstigma spezza i pregiudizi, in Canada un ristorante gestito solo da persone sieropositive?#smashstigma spezza i pregiudizi, in Canada un ristorante gestito solo da persone sieropositive?

La domanda è:  andreste a mangiare in un ristorante gestito solo da persone sieropositive?

 

Spezza i pregiudizi: Toronto, in Canada, per due giorni ha aperto un ristorante temporaneo gestito solamente da persone che hanno contratto l’HIV, il virus associato all’AIDS. Il ristorante si chiama June’s ed è stato aperto da Casey House, un ospedale locale che da trent’anni cura le persone sieropositive.

Le due serate hanno avuto grande successo: June’s è stato tutto esaurito – circa 100 persone per serata – e gli organizzatori hanno detto al Toronto Sun che in futuro sperano di organizzare altre serate simili.

Il ristorante – il primo al mondo di questo tipo – ha aperto con lo scopo di sfatare alcuni pregiudizi che ancora oggi riguardano le persone con HIV (non necessariamente chi è sieropositivo si ammala di AIDS). L’idea è nata dopo che gli organizzatori avevano letto di un sondaggio realizzato in Canada secondo cui metà delle persone contattate non si fiderebbe a mangiare del cibo preparato da una persona sieropositiva.

Come cerca di spiegare da decenni la comunità scientifica, il virus dell’HIV non si diffonde per via aerea o con lo scambio di saliva, ma solo tramite un rapporto sessuale o uno scambio di sangue con una persona infetta (o da madre a figlio durante la gravidanza e il parto).

https://www.youtube.com/watch?time_continue=3&v=B_-obr2Gf4U

Le pareti e i tavoli del ristorante erano pieni di slogan come #smashstigma(“spezza i pregiudizi”) o kiss the HIV cook (“bacia il cuoco sieropositivo”)…

Leggi tutto l’articolo su ilpost

 

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più