Home Congressi Tavola rotonda sulla PrEP a ICAR

Tavola rotonda sulla PrEP a ICAR

di Silvia Bandini
PrEP e PEP come prevenzione approfindimenti con il parere di Oldrini

prepGli esperti presenti a ICAR oggi si confrontano sulla PrEP (profilassi pre-esposizione). Numerosi gli studi a riguardo e contrastanti i pareri delle varie personalità presenti. Ci sono le speranze e le attese di chi la considera un ottimo strumento di prevenzione contro l’infezione da HIV, ci sono i dubbi di chi ritiene siano altre le priorità nella lotta all’HIV e ci sono i timori che la PrEP faccia dimenticare l’uso del preservativo che è il solo strumento efficace contro le altre Malattie Sessualmente Trasmissibili (MST).

“PrEP: is it the right time to act ?” è il titolo della Tavola Rotonda che ospita alcuni ricercatori che hanno condotto gli ultimi studi clinici come Sheena Mc Cormick (UK) per lo studio PROUD e Eric Cua (F) per lo studio IPERGAY, insieme a Roy M.Gulick, infettivologo americano con anni di esperienza in questo ambito, e a Sabrina Spinoza Guzman, dell’ EMA (Agenzia europea dei medicinali), insieme alle Associazioni di persone con HIV e alla comunità scientifica infettivologica.

“I dati ottenuti dagli studi PROUD e IPERGAY – spiegano i presidenti del Congresso Cristina Mussini, Laura Sighinolfi e Andrea Cossarizza – entrambi rivolti a MSM (uomini che fanno sesso con uomini) e donne transgender, sono sicuramente importanti, ma il fatto che entrambi abbiano dimostrato livelli di efficacia tanto elevati statisticamente testimonia l’efficacia preventiva della PrEP, e rivela anche quanto sia alto il tasso di infezione in determinati gruppi nei paesi occidentali. Solo a loro, quindi, insieme alle coppie sierodiscordanti, dovrebbe essere offerta la PrEP e non a tutti, come invece chiede la maggior parte di chi la sostiene”.

A livello europeo, il primo paese a richiederla è stata la Francia, dove è attesa per questa estate l’autorizzazione “sub judice” (per i prossimi 2 anni la PrEP sarà disponibile gratuitamente). Per quanto riguarda la posizione italiana, un centinaio di infettivologi hanno risposto ad un questionario, promosso dall’IRCCS AOU San Martino di Genova, che viene presentato durante i lavori a Riccione: il 48% dei partecipanti ritiene non vi siano ragioni sufficienti per rendere disponibile la PrEP anche in Italia, ma il 35% la sostiene comunque. Il 71% degli intervistati teme lo spostamento di attenzione da altri interventi preventivi più utili, il 16% teme il rischio di una eccessiva medicalizzazione della prevenzione di HIV. Del campione, solo il 33% ha “familiarità” con la PrEP e il 63% ha ricevuto domande, soprattutto (86%) da coppie sierodiscordanti.

La disponibilità, comunque, della PrEP non modificherebbe il tipo di vita sessuale per il 64% del campione, anche se è diminuita la percentuale di chi userebbe sempre il preservativo (dal 37% al 27%) e, viceversa, è aumentata quella di chi non lo userebbe mai (dall’11% al 17%).

“In Italia non riusciamo a far diminuire il numero di nuove diagnosi di infezione da HIV registrate ogni anno – dichiara Giulio Maria Corbelli, membro dell’Associazione Plus – È evidente che, se vogliamo davvero fermare la diffusione dell’HIV in Italia, dobbiamo adottare una strategia innovativa: quello che si dimostra più efficace è un approccio “di combinazione”, cioè che metta a disposizione diversi strumenti e diffonda una informazione capillare in modo che ciascuno possa scegliere la strategia più adatta alle proprie esigenze. In questo approccio la PrEP – cioè la possibilità per persone sieronegative ad alto rischio di contrarre l’infezione da HIV di assumere un farmaco per evitare di contrarre l’infezione – può avere un ruolo essenziale perché consente, ad esempio, di prevenire l’infezione in persone che nonostante siano bene informate non riescono o non vogliono usare costantemente il preservativo con diversi partner sessuali”.

“Allo stato attuale siamo contrari alla PrEP – dichiara Margherita Errico, Presidente di NPS Italia Onlus – Non troviamo giusto l’approccio culturale di medicalizzare il sesso, ma ci rendono molto perplessi anche gli alti problemi di costi, di cui ancora non è chiaro su chi dovrebbero ricadere. In più manca completezza dei dati fondamentali, quelli italiani ed europei, perché quelli americani non bastano, e questo gap di dati sulla tollerabilità non va trascurato. Non si hanno neanche dati sufficienti sul livello di penetrabilità della PrEP a livello degli organi genitali. E non abbiamo neanche dati certi sul rischio di aumentato sviluppo di resistenze ai trattamenti antiretrovirali. Infine, allo stato attuale, gli studi sottolineano e confermano come nel lungo termine i pazienti con Hiv riscontrino problemi sia con i reni che con le ossa.

“Se il preservativo è efficace nel 99%, quella della PrEP è variato dall’iniziale 92% del 2011 all’86% delle ultime rilevazioni – prosegue Margherita Errico – Questo margine scoraggia chi si approccia a questa terapia, a nostro avviso. Un dato importante e preoccupante, per cui sentiamo fervida la responsabilità di chiedere al Sistema Sanitario di non intervenire a favore della stessa terapia. A farci preoccupare un dato che molti sembrano trascurare: molti di questi pazienti americani non stanno usando il preservativo, così le ultime dichiarazioni dagli studi presentati a Seattle lo scorso marzo, quindi non c’è copertura rispetto ad epatite, sifilide e altre malattie infettive che sono a loro volta terreno fertile per l’acquisizione comunque dell’infezione da Hiv. Cosa non da poco, per esempio, se si pensa che la sifilide, secondo dati CDC,è stata rintracciata nel 48% dei casi tra gli omosessuali.”

Interviste: Meteoweb

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più