Home Attualità Terapia HIV in Africa arriva generico del Dolutegravir

Terapia HIV in Africa arriva generico del Dolutegravir

di Luca Negri
Terapia HIV in Africa arriva generico del Dolutegravir

Farmaci anti HIV in Africa arriva generico del Dolutegravir

Una versione generica di un nuovo farmaco per il trattamento dell’aids, destinato a migliorare e prolungare la vita di decine di migliaia di persone che soffrono di gravi effetti collaterali e di resistenza agli altri trattamenti. Una notizia che cambierà la vita dei malati in Kenya che si appresta ad essere il primo paese africano ad utilizzare la versione generica del Dolutegravir (Dtg).

Il farmaco approvato per la prima volta negli Stati Uniti nel 2013, viene già somministrato a 20.000 pazienti in Kenya. Entro la fine dell’anno la versione generica e dai costi ridotti sarà usata anche in Nigeria e in Uganda, grazie al sostegno dell’agenzia sanitaria per la lotta a tubercolosi, aids e malaria, Unitaid.

La caratteristica del Dtg è quella di poter essere usato su persone con hiv che non hanno mai fatto una terapia antiretrovirale ed anche su coloro che hanno sviluppato resistenza ad altri trattamenti.

Leggi tutto l’articolo su corriere.it

Altre notizie

Il Kenya, con il supporto di UnAids (l’agenzia Onu che combatte l’Hiv), si affida ai farmaci generici per combattere l’Aids. Più economici, efficaci, disponibili, i «generici» rappresentano un’alternativa percorribile per un sistema sanitario che non ha a disposizione grandi risorse.

L’adozione di questo trattamento fa parte di una strategia più ampia messa in campo da UnAids per contenere il continuo diffondersi dell’Hiv in Africa, dove vivono i ¾ delle persone affette dal virus. Circa il 15% dei pazienti affetti da Hiv nel continente è oggi resistente alle medicine, il che significa che nessun trattamento funziona. È quindi indispensabile portare velocemente sul mercato nuovi e più efficaci farmaci, ma allo stesso tempo economici.

L’Unaids sta quindi pianificando una ampia diffusione dei farmaci generici in modo tale da coprire almeno il 90% delle persone affette da Hiv entro il 2020. Il Kenya, che ha una delle popolazioni più colpite dal virus (con circa 1,5 milioni di positivi), farà da apripista. Negli ospedali pubblici saranno distribuiti i farmaci generici. Se l’obiettivo è fermare il diffondersi dell’Hiv, le medicine sono solo una parte della politica di contenimento. Le autorità sanitarie puntano anche sulla diffusione massiccia dei test e su pubblicità mirate per aumentare la consapevolezza della malattia.

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più