Home Effetti collaterali Tre ARV associati a un aumentato rischio di malattia renale

Tre ARV associati a un aumentato rischio di malattia renale

di Neptune
Hiv, switch a emtricitabina/rilpivirina/tenofovir alafenamide

Stando a un’analisi dell’ampia coorte osservazionale D:A:D, tre farmaci antiretrovirali sarebbero associati a un lento aumento, nel tempo, del tasso di malattia renale. I farmaci in questione sono tenofovir, atazanavir potenziato e lopinavir potenziato.

Gli studiosi hanno valutato il rischio di sviluppare una malattia renale cronica (eGFR inferiore a 60 ml per minuto) da parte di soggetti che presentavano normale funzionalità renale al momento dell’inclusione nella coorte. La stima della velocità di filtrazione glomerulare, o eFGR (estimated glomerular filtration rate), è una misura indiretta della quantità di sangue filtrata al minuto dai reni, ed è un metodo utilizzato per valutare la funzionalità renale. Sono stati raccolti dati su 23.560 pazienti nell’arco di otto anni.

Complessivamente, il rischio è risultato poco elevato: meno dell’1% dei partecipanti (210 pazienti) ha sviluppato una malattia renale cronica.

Come atteso, svariati altri fattori sono risultati associati alla malattia renale: età più avanzata, ipertensione, epatite C, diabete, malattia cardiovascolare, bassi livelli di CD4 in passato e pregresso uso di stupefacenti per via iniettiva.

Tuttavia è stata riscontrata anche un’associazione con taluni antiretrovirali, e più a lungo venivano assunti, più il rischio aumentava. L’incidenza è risultata del 2,2% dopo sei anni di tenofovir; del 4% dopo sei anni di atazanavir potenziato; e ancora del 4% dopo sei anni di lopinavir potenziato.

Dopo la correzione per altri fattori di rischio di malattia renale, ogni anno di assunzione di tenofovir è risultato associato a un aumento del 12% del rischio relativo; ogni anno di atazanavir potenziato a un aumento del 27%; e ogni anno di lopinavir potenziato a un aumento del 16%.

Di contro, non sono state riscontrate associazioni con aumenti del rischio né per l’abacavir né per altri inibitori della proteasi. I dati disponibili, tuttavia, non erano sufficienti per l’analisi di altri singoli farmaci.

Per quanto la malattia renale resti poco diffusa e più correlata ad altri fattori di rischio ‘tradizionali’ piuttosto che all’assunzione di antiretrovirali, è probabile che questi dati forniscano informazioni utili ai medici che prescrivono un regime antiretrovirale, specialmente a pazienti che presentano altri fattori di rischio di problemi a carico dei reni.

Resoconto completo su aidsmap.com

FONTE: aidsmap.com

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più