Home Altre patologie Vaccinazione antinfluenzale e contro lo pneumococco raccomandata per chi vive con HIV

Vaccinazione antinfluenzale e contro lo pneumococco raccomandata per chi vive con HIV

di Luca Negri
Vaccino

Vaccinazione antinfluenzale e contro lo pneumococco raccomandata per chi vive con HIV

Come tutti gli anni pubblichiamo l’inizio della vaccinazione antinfluenzale.
In contemporanea alla campagna antinfluenzale 2017-2019, «sarà avviata l’offerta gratuita anche della vaccinazione contro lo pneumococco» aggiunge l’Asl.

Oggi chi vive con l’hiv e assume correttamente la terapia ha una aspettativa di vita come una persona sieronegativa. Motivo in più per vaccinarsi visto che comunque il nostro sistema immunitario è stato attaccato da un virus. E sarebbe da sciocchi correre dei rischi visto tutto quello che abbiamo passato.

Poloinformativo HIV

Da domani saranno disponibili i primi vaccini antinfluenzali.

Lo prevede l’annuale campagna vaccinale della Regione. Gli astigiani vaccinati lo scorso anno sono stati 34.871, «dato che si vorrebbe incrementare quest’anno, per aumentare la protezione della popolazione» riferisce l’Asl in una nota.

Chi la può fare gratis

In Piemonte la vaccinazione viene offerta gratuitamente ad anziani e a chi soffre di patologie croniche, soggetti indicati dal Ministero attraverso i medici di medicina generale e i pediatri.

Persone che hanno superato i 64 anni, chi è a stretto contatto con soggetti ad alto rischio, chi è esposto a complicazioni perché affetto già da altre malattie a carico dell’apparato respiratorio, cardiocircolatorio, epatopatie croniche, diabete e altre patologie metaboliche, infiammatorie croniche, insufficienza renale e surrenale, sindromi da malassorbimento intestinale, neoplasie, deficit immunitari, Hiv e ai ricoverati nelle strutture per lungodegenti.

«La vaccinazione – prosegue l’Asl – è raccomandata alle donne che all’inizio della stagione influenzale si trovano al secondo e al terzo trimestre di gravidanza, a chi svolge funzioni lavorative di primario interesse collettivo e per coloro che, per motivi di lavoro sono a contatto con animali che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali non umani».  

Pneumococco

In contemporanea alla campagna antinfluenzale 2017-2019, «sarà avviata l’offerta gratuita anche della vaccinazione contro lo pneumococco» aggiunge l’Asl.

Si tratta di un batterio molto diffuso dell’apparato respiratorio. Anche lo pneumococco, come i virus influenzali, si trasmette da persona a persona per via respiratoria ed è una delle principali cause di infezione delle membrane che rivestono il sistema nervoso centrale nei bambini molto piccoli o negli anziani. Può provocare sintomi come otite e sinusite. Tuttavia, in casi rari pero’, il germe porta polmonite, sepsi e in casi estremi meningite.

«La vaccinazione anti-pneumococcica sarà somministrata dal medico di medici generale ai nati nel 1952; potrà essere offerta simultaneamente alla vaccinazione antinfluenzale oppure somministrata in qualsiasi stagione dell’anno, dal momento che la protezione dura tutta la vita» informa l’Asl.

 

Fonte parziale: la stampa 

Condividi:

Potrebbe interessarti anche