Home Donne Women Living Positive

Women Living Positive

di Luca Negri

Women Living Positive

Women Living Positive
News tradotta da Hivandhepatitis

Le donne con HIV hanno difficoltà di comunicazione col medico.
Un recente sondaggio, Women Living Positive, condotto su 700 donne HIV+ negli USA ha mostrato che almeno il 75% ha grosse difficoltà nel gestire la propria vita quotidiana, ma solo poche ne hanno parlato col medico.

 

Il sondaggio è stato sponsorizzato dalla Boehringer Ingelheim Pharmaceuticals e sviluppato in collaborazione con The Well Project, un’organizzazione no-profit  di donne sieropositive.Dai risultati ottenuti dal sondaggio risultano grandi lacune di comunicazione tra le donne con hiv e i loro medici su ciò che riguarda le opzioni di trattamento in relazione ai loro bisogni individuali.

Più della metà delle donne intervistate(55%) hanno ammesso di non aver mai discusso col medico di come i farmaci antiretrovirali abbiano effetti diversi tra uomini e donne.
Le rimanenti(45%), che invece hanno fatto domande, hanno riportato di aver avuto risposte soddisfacenti e di essersi sentite a proprio agio(96% e 95%, rispettivamente) dopo averlo fatto.

Attualmente le stime parlano di 300000 donne con HIV negli USA, con un incremento annuale di 6000.

“Con l’aumento delle infezioni da HIV femminili è importante comprendere le loro problematiche e i loro bisogni quando si valutano le opzioni terapeutiche” – ha affermato  Kathleen Squires, M.D., Director of Infectious Diseases and Environmental Medicine at Thomas Jefferson University Hospital and Professor of Medicine at Jefferson Medical College.

“Le donne con hiv devono poter discutere con i medici su argomenti importanti come il loro benessere emotivo, la pianificazione familiare e le cure che meglio si adattano alla propria  anamnesi e al propio stile di vita.”

La maggioranza delle donne con hiv negli USA è in età feconda, ma il sondaggio ha mostrato che molte di loro (57%) non ha mai chiesto informazioni riguardanti la terapia più idonea in caso di gravidanza se non dopo il concepimento.

Sempre la maggioranza ha confessato di vivere una vita pesante e faticosa : per un (73%) si tratta di un affanno continuo per gestire quel “qualcosa in più” nella vita quotidiana e per il 60% vivere con l’HIV rende più difficoltosa ogni attività giornaliera.

“Speriamo che i risultati del sondaggio incoraggino le donne a intraprendere con più facilità un dialogo sui propri bisogni individuali col proprio medico perchè, sempre il sondaggio ha mostrato che, nei casi in cui c’è stata apertura al dialogo, il risultato è stato soddisfecente ed incoraggiante“- ha concluso Dawn Averitt Bridge, fondatore e presidente dell’organizzazione no-profit The Well Project

Altri risultati del sondaggio

Quasi tutte le donne che hanno partecipato al sondaggio hanno affermato che per il successo a lungo termine della terapia e la possibilità di vivere una vita normale è essenziale o molto importante il momento della scelta dell’opzione terapautica giusta.

Molte hanno anche riportato che l’infezione ha influenzato negativamente la loro capacità di prendersi cura dei propri familiari favorendo la comparsa di sintomatologie associate alla depressione. Più di un quarto delle intervistate ha mostrato almeno 5 o più sintomi legati alla depressione: cattiva qualità del sonno, carenza di energia, ansia o panico senza causa apparente e tristezza cronica.

Per la maggioranza (59%) le difficoltà di comunicazione sono imputabili alla propria cultura, etnia o lingua. In questo caso le percentuali variano (70%)ispaniche, (61%)afro-americane e (37%)caucasiche.

Per maggiori informazioni sul sondaggio Women Living Positive si può visitare il sito www.thewellproject.org che dà informazioni esaurienti sull’HIV e offre strumenti e risorse per le donne in due lingue, inglese e spagnolo.

Metodologia del sondaggio

Il sondaggio The Women Living Positive è stato fatto telefonicamente da GfK Roper Public Affairs tra il 21 dicembre 2006 e il 14 marzo 2007. Ha coinvolto 700 donne americane, appartenenti a tre etnie diverse, dai 21 anni in su con HIV e in trattamento da un minimo di tre anni.
10/12/07

Source

Boehringer Ingelheim. Most Women with HIV and Their Health Care Providers Have Not Discussed How HIV Might Affect Them Differently Than Men. Press Release. October 10, 2007.

References

1. The Henry J. Kaiser Family Foundation. HIV/AIDS Policy Fact Sheet: Women and HIV/AIDS in the United States.

2. CDC. HIV/AIDS Fact Sheet: HIV/AIDS among Women. June 2007.

3. CDC. Pregnancy and Childbirth – May 17, 2007. January 2005. Accessed 4 June 2007.

4. CDC. HIV/AIDS Surveillance in Women: Estimated Number and Proportion of AIDS Cases among Female Adults and Adolescents 1985-2005-United States and Dependent Areas. March 16, 2007. Accessed 24 May 2007.

5. CDC. Cases of HIV infection and AIDS in the United States, by race/ethnicity, 2000-2004. HIV/AIDS Surveillance Supplemental Report 2006; 12(No.1):1-36. Accessed 24 May 2007.

Traduzione e adattamento a cura di Poloinformativohiv

Potrebbe interessarti anche

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che ti stia bene, ma se lo desideri puoi disattivarli. Accetto Scopri di più